exlibris20

just twenty years ago

Categoria

Letture

Quelli della loggia

1938 Un’Italia vestita della geometrica linearità dello stile fascista, scempio all’arte, abbandona a sé le sorti, malaugurate, di una tradizione culturale ed artistica; i barocchismi non sono più tollerati. Quella fascista doveva essere la guerra della “civiltà contro la barbaria”,… Continua a leggere →

Gino Nardella: homo de cultura e straccioni

Agenti atmosferici titolo, Gino Nardella autore, Besa Ed. casa editrice. Queste le sole indicazioni del romanzo. Nulla si sa della vita dell’autore, di eventuali altre opere scritte, dei desideri o del suo mestiere. In fin dei conti, potrebbe anche bastare…. Continua a leggere →

La casa del sonno

Ciao. Lo so, avrei dovuto farlo prima, ma qui non è semplice trovare un momento libero, anche solo per riposarsi o dormire. Fa molto caldo e solo la sera si respira un po’ di più e allora leggo o scrivo…. Continua a leggere →

Infinito

Parafrasando un Priest un po’ critico del ’76 ci si può chiedere se non è forse invalsa l’opinione che la fantascienza sia qualcosa di diverso proprio a causa del contenuto. Dopotutto si parla della natura speculativa della fantascienza, del fatto… Continua a leggere →

Passeggeri

Allacciate le cinture e preparatevi a volare. A distanza di quasi tre anni dal suo ultimo lavoro narrativo, Gabriele Romagnoli interrompe virtualmente l’esilio newyorchese (da qualche mese osserva la comunità americana per le colonne della «Stampa»), atterra nelle librerie italiane… Continua a leggere →

Il testamento di Octavio Paz

Octavio Paz (Messico 1914-1998), la letteratura e la politica segnarono per sempre il suo destino: nacque tra i libri e vide la luce tra le rivoluzioni tanto del suo paese quanto fuori delle sue frontiere. Seppe cogliere in modo ineguagliabile… Continua a leggere →

Embrioni

“La fermata di Charing Cross mi è sempre piaciuta, anche se è un casino e ti stanca le gambe”. Due amici catalani vivono e lavorano a Londra. Un mattino decidono di fare due passi nel parco di St. James, dato… Continua a leggere →

Chi ha paura dei racconti?

Sticky post
Piccoli inediti

Scarica l’e-book “Scritto ritrovato n. 1 + Nuvole” di Vitaliano Trevisan

Tra anarchia e avanguardia: Joan Salvat-Papasseit

Parliamo del libro di Joan Salvat-Papasseit, Poesie futuriste, a cura di Anna Maria Saludes, Belforte Editore Libraio, 1990 (105 pp.), pubblicato in 500 copie. Si tratta di un libretto agile ed elegante anche per le riproduzioni del Ritratto di J…. Continua a leggere →

Tradizione e avanguardia in una grande cultura mediterranea

Questo è il sottotitolo di un libro di quasi venti anni fa: Josep Carner / Carles Riba / J.V. Foix / Salvador Espriu, Poesia catalana del novecento, a cura di Giuseppe F. Sansone, Roma, Newton Compton, 1979 (Paperbacks poeti/ 81)…. Continua a leggere →

Guadalajara di Quim Monzó

Qualche mese fa (all’inizio del 1998, ndr), all’Istituto Cervantes di Napoli è stato presentato l’ultimo libro di Quim Monzó, Guadalajara, alla presenza dell’autore. In tale occasione il vasto pubblico, che lo ha letteralmente tempestato dì domande, ha scoperto con sorpresa… Continua a leggere →

Morte di dama di Llorenç Villalonga

Llorenç Villalonga (Palma di Maiorca, 1887-1980) non è di sicuro un nome familiare ai lettori italiani. E chi volesse saperne qualcosa in più, non perda il suo tempo consultando qualcuna delle tante enciclopedie specialistiche che promettono di contemplare «gli autori… Continua a leggere →

Carme Riera in Dove finisce il blu

La bella traduzione del romanzo di Carme Riera, prima opera scritta in lingua catalana ad essere onorata del Premio Nacional de Narrativa, propone al lettore italiano un romanzo complesso che rappresenta una svolta significativa nel percorso letterario dell’autrice. La lettura… Continua a leggere →

La voce melodiosa di Montserrat Roig

Pubblicato nel 1987 in lingua catalana, La voce melodiosa è l’ultimo romanzo della scrittrice barcellonese Montserrat Roig, scomparsa prematuramente nel 1991. La storia narrata è ambientata a Barcellona e si sviluppa lungo un arco di tempo che va dalla fine… Continua a leggere →

Tokyo blues

memoria “Non ti dimenticherò mai,” dissi, “ma come pensi che potrei dimenticarti?” E invece, inutile negarlo, la memoria si sta allontanando, e ho già dimenticato troppe cose. Watanabe A un certo punto Watanabe, che bel nome per un protagonista di… Continua a leggere →

Amrita: il sogno della felicità

“I romanzi vivono. Vivono, e influenzano noi che stiamo da quest’altra parte come degli amici… Per due ore, per una notte, noi viviamo in quel mondo.” Amrita, l’ultimo romanzo di Banana Yoshimoto vive, e noi viviamo per più di una… Continua a leggere →

Una famiglia

Ogni qual volta mi capita di imbattermi con la cultura giapponese (sia essa rappresentata in un film o in un libro), lo confesso, mi trovo spesso in preda ad un certo imbarazzo. La loro cortesia puntigliosa, il loro humor bizzarro…… Continua a leggere →

Bad Mama Jama

Dalla morte del grande romanziere-pensatore Yukio Mishima (1970) la letteratura giapponese ha preso una tale svolta passando dalla narrativa intesa come nostalgia del passato feudale alla più leggera letteratura contemporanea. Yamada Eimi (1959) sta nel mezzo fra i ricordi dell’epoca… Continua a leggere →

Racconti in un palmo di mano

Il titolo di questa raccolta di racconti, Racconti in un palmo di mano, ben rende la sensazione che attraversa il lettore che si trova di fronte a piccole sfere di cristalli contenenti mondi che è possibile osservare e degustare senza… Continua a leggere →

© 2018 exlibris20

Up ↑