Foto-Lea-Iandiorio--chi-siamoMi chiamo Lea Maria Iandiorio e sono la fondatrice e curatrice di exlibris20.

Nata a Wimbledon, ho vissuto per venti anni in Irpinia e per altri venti anni a Torino. Sono stata allieva della prima classe della Scuola Holden che poi ho diretto per 10 anni. Ho studiato Strategia d’impresa e il mio lavoro ora è trasformare idee in oggetti culturali concreti. Qui c’è tutto quello che sto facendo https://it.linkedin.com/in/leaiandiorio.

Venti anni fa ho fondato la rivista di letteratura Exlibris. Era una rivista piccola e colorata, i cui articoli erano scritti da appassionati di letteratura e non da addetti ai lavori: una rivista social prima che nascessero i social network. Dopo venti anni ho deciso di riprendere tutti quegli articoli e ricondividerli. Poi ci ho preso gusto e ho deciso di sviluppare il progetto.

Exlibris20 ha l’obiettivo di parlare di libri senza dover sottostare alle mode del momento: exlibris20 vuole ragionare sull’audience engagement e dare spunti per invogliare tutti ad avvicinarsi ai libri e a non allontanarsene più! Il nostro motto è #leggerenonpassamaidimoda

 

Ho fondato exlibris20 un sabato mattina in un bar di Torino con Carmine Picone, il graphic designer che ha progettato la grafica di Ex Libris dal numero 12 e poi è diventato mio amico. Anche qui fa il suo lavoro di combinare testi e immagini con grande cura e come me crede molto in questo progetto: ne abbiamo parlato tante volte in questi anni e allo scoccare dei 20 ci siamo riusciti.