L’ultima nota è di Maria Antonietta Nigro. La lingua italiana si sta davvero impoverendo?