exlibris20

just twenty years ago

Categoria

Protagonisti

Notti di fanciulla

Si sciolse la folta treccia Sino alla vita, Si aprirono i seni quasi monti, Onde in mezzo al mare; Luccicarono gli occhi castani, Stelle nella notte, Si protesero le mani bianche – Così si stringerebbero Attorno a un corpo. E… Continua a leggere →

Decadente

Io un decadente? È una novità per me! Hai preso un momento della mia vita, Hai cercato una parola oscura e dotta, Hai gridato alla Russia “Ecco un decadente!” Se nei miei canti v’è dolore, pietà, malinconia – E solo… Continua a leggere →

Contra spem spero!

Via, pensieri, voi, nubi autunnali! Ora è la primavera dorata! Forse nell’amarezza, nel pianto Passeranno gli anni giovanili? No, voglio ridere attraverso le lacrime, In mezzo al dolore cantare canzoni, Senza speranze comunque sperare, Voglio vivere! Via, pensieri tristi! In… Continua a leggere →

Giosetta Fioroni

Il primo incontro che si è tenuto a Treviso (il 12 marzo 1999, ndr) è stata un’esperienza emozionante per tutti I cercastorie non solo perché questo è il nostro primo passo ufficiale come associazione letteraria studentesca, ma anche perché abbiamo… Continua a leggere →

L’alfabeto dell’estasi

La vita di Emily Dickinson è tutta disegnata entro i confini della piccolezza: il modo migliore, ai suoi tempi e ancora oggi, per essere grandi davvero. Ci dice, la sua vita, che non importa tanto essere nati nel XIX secolo… Continua a leggere →

Ultima fermata: questa città

Ha da poco valicato i settant’anni (nel 1999, ndr), Hubert Selby Jr. E se sfogliate una qualche antologia della letteratura americana il suo nome pare non avere diritto di cittadinanza, viene appena menzionato. Così, di passaggio: destino ingrato per chi… Continua a leggere →

Il cantore dell’essere e dell’apparire

L’interesse per Cees Nooteboom, scrittore olandese noto in Italia attraverso quattro romanzi, tre libri di viaggio, un saggio e alcune poesie, risiede senza dubbio nella grande versatilità della sua produzione letteraria che si accompagna a una inusuale varietà di stili…. Continua a leggere →

La parola folle

Nei romanzi dello scrittore somalo Nuruddin Farah (Baidoa 1945) si incontra un universo complesso ed enigmatico, permeato dalla pazzia devastatrice della dittatura e della guerra civile, ma intriso anche dell’audace e profetica follia di chi usa la parola come arma,… Continua a leggere →

La fata delle parole

Carmen Martín Gaite è una fata, e come tale non ha età: a una prima occhiata pare una distinta signora sulla settantina, magari un po’ stravagante, con l’immancabile baschetto calcato sulla testa, ma basta guardarla negli occhi o scambiare due… Continua a leggere →

Giuseppe O. Longo. La gerarchia di Ackermann

Consigli di lettura #Summer18
Giuseppe O. Longo

Leopold Sacher-Masoch. Letteratura delle passioni estreme

L’opera di Sacher-Masoch è stata a lungo confinata in un “inferno” erotico che ha annullato le differenze di una espressività ricca di motivi di interesse anche se troppo spesso racchiusa da clichès. Il nome dell’autore galiziano è infatti assai più… Continua a leggere →

Vitaliano Trevisan. Un mondo meraviglioso?

Viene da chiedersi qual è il mondo meraviglioso cui allude l’autore. Il titolo, Un mondo meraviglioso, evoca paesaggi bucolici, amori spensierati e personaggi arcadici. Le pagine di testo, invece, rivelano pochi accenni al mondo, poiché la storia è tutta una… Continua a leggere →

Ausiàs March. La scoperta di un classico della Modernità

Per Ausiàs March si può veramente parlare della scoperta, o della riscoperta, di un classico moderno, di un capolavoro sconosciuto. Nato a Valenza nel 1400 e morto nella stessa città nel 1459, March era un cavaliere al servizio di Alfonso… Continua a leggere →

Sei Shōnagon. Il canto dei cuculi

“In fondo tutto ciò che è viola è magnifico… Cose deludenti: un cane che latra durante il giorno… Un letterato a cui nascono soltanto figlie… I mari più attraenti sono… Tremenda è la pioggia intermittente… La paura sconvolge quando si… Continua a leggere →

Intimacy

It is the saddest night, for I am leaving and not coming back. Tomorrow morning, when the woman I have lived with for six years has gone to work on her bicycle, and our children have been taken to the… Continua a leggere →

Ismail Kadaré. La città di pietra

Le vecchione erano vecchie prima che fosse vecchio il mondo e lui, che scriveva nel 1970 forse un poco le temeva. Loro avrebbero saputo leggere il destino dei disgraziati che partono sui gommoni per crepare in Adriatico o per tornare… Continua a leggere →

Michele Serra. Il ragazzo mucca

“A chi mi avesse sorpreso mentre sedevo inerte a rimuginare le mie cose, senza espressione, fisso, cercando nella tranquillità della stasi l’energia necessaria a rifarmi, avrei detto volentieri: sì, sono proprio io, il ragazzo mucca.”   Qualcuno (forse Proust) ha… Continua a leggere →

Theodore Sturgeon. Cristalli sognanti

Adelphi capitola. Messa alle strette, chiusa in un angolo, Adelphi pubblica un tipico autore da Adelphi, un autore con un buono stile, leggibile, eccentrico, sensibile e peculiare: pubblica Theodore Sturgeon. Cristalli sognanti è il bel romanzo di Sturgeon con cui… Continua a leggere →

Il “ritorno” di J.D. Salinger

Hapworth 16, 1924 racconto lungo comparso nella rivista americana New Yorker nel 1965 è l’ultimo lavoro pubblicato dallo scrittore J.D. Salinger autore di The Catcher in the rye (Il Giovane Holden), un’opera che fin dalla sua comparsa in America ha… Continua a leggere →

Raymond Chandler. Il lungo addio

Carmen Sternwood, bambina viziata del Grande Sonno a Philip Marlowe: «Siete alto, eh?» «Non lo faccio apposta». «Siete un campione di boxe?» «Non proprio. Faccio il segugio». Il generale Sternwood a Philip Marlowe, poco dopo: «Siete piuttosto cinico. Non vi… Continua a leggere →

Massimo Bontempelli. Il “realismo magico”

“L’immaginazione non è il fiorire dell’arbitrario, e molto meno dell’impreciso. Precisione realistica di contorni, solidità di materia ben poggiata sul suolo e intorno come un’atmosfera di magia che faccia sentire, traverso un’inquietudine intensa, quasi un’altra dimensione in cui la nostra… Continua a leggere →

Melania Mazzucco. Il bacio della Medusa

Parlando con altri del libro di Melania Mazzucco Il bacio della Medusa (Baldini & Castoldi) mi son sentita dire che era la solita storiella. Norma si sposa giovane con un vecchio nobile; diventa matrigna del suo primo figlio il quale… Continua a leggere →

Jan Potocki. I fantasmi di Alfonso van Worden

“Tanti avvenimenti bizzarri, racconti meravigliosi e sentimenti inattesi avrebbero avuto senza dubbio di che farmi riflettere tutta la notte; ma, devo ammetterlo, i sogni che mi avevano promesso mi interessavano più di tutto il resto.” Così Alfonso van Worden, capitano delle… Continua a leggere →

La saudade di Tabucchi

  “Io scrivevo prose bizzarre e vagamente surrealistiche…” Così lui stesso, di recente, ha voluto definire gli esordi del suo mestiere di narratore. Allora Antonio Tabucchi era uno studente della facoltà di Lettere, a Pisa, ma le sue antenne si… Continua a leggere →

© 2019 exlibris20

Torna su ↑